Archivio mensile:luglio 2011

E disse “Avrei preferenza di no”

venerdì 29 luglio 2011

Piazza XXIV Maggio – Bosentino (TN)

ore 21 _ ingresso libero

 

 

“Avrei preferenza di no”

Una rilettura di Bartleby lo scrivano di Herman Melville

Bartleby lo scrivano, apparso nel 1853, è tra i racconti più belli e influenti dell’epoca moderna, tradotto e citato da alcuni dei massimi scrittori e critici contemporanei. Il personaggio di Bartleby è quello di uno scrivano che, attraverso la formula “avrei preferenza di no”, oppone la propria passiva resistenza al lavoro, alla società e, in ultima istanza, alla vita. La sua storia rappresenta anche una straordinaria metafora sulla scrittura e sulla narrazione, sulla parola e sull’enigma del silenzio.

Il Funambolo ne ha fatto un progetto ibrido, fra lettura e teatro, performance e videoarte, fortemente caratterizzato dallo spazio in cui è posto in scena. “Avrei preferenza di no” non è una proposta di spettacolo frontale, ma una rilettura di reciproca influenza di spazi e testo.

Mara Pieri _ attrice

Guido Laino _ proiettore 1

Tiziana Poli _ proiettore 2

IN CASO DI PIOGGIA LO SPETTACOLO SI SVOLGERA’ AL PALAZZETTO DI BOSENTINO.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Spegni la fiamma dell’omofobia!

Sabato 23 luglio, dalle ore 19, presso il bar dei Sabbioni si terrà una festa per dire no all’omofobia. Fortemente voluta dall’Anpi Alto Garda, all’iniziativa hanno subito aderito le associazioni culturali più attive della zona, testimoniando una forte presa di posizione contro un sentimento odioso ed inaccettabile. Il programma della serata “Rainbow party – spegni la fiamma dell’omofobia” prevede dalle 19 aperitivo e musica in riva al lago, dalle 21 dj set con il collettivo Your Sister di Trento.

Approfittando delle esternazioni di Michele Parolin sull’omosessualità, apparse sui quotidiani lo scorso maggio, a cui peraltro la Fiamma Tricolore ci ha ormai abituati, cogliamo l’occasione per ricordare che l’omosessualità è stata cancellata dal Manuale Diagnostico del disturbi mentali (DSM) già nel 1974, posizione successivamente ribadita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 1990.

Sono passati quasi quarant’anni dalla derubricazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali, eppure ci troviamo a discuterne per l’ennesima volta (evidentemente, la questione non è ancora stata digerita). Di fronte all’ultima di una lunga serie di esternazioni sul tema, iniziamo a chiederci se non sia proprio questo un atteggiamento ossessivo-compulsivo ai limiti del patologico.

Ci sembra inoltre quantomeno ironico che coloro che si affannano a sostenere improbabili tesi anti-omosessualità, facciano riferimento ad argomentazioni pseudo-psichiatriche già da tempo sbugiardate dalla comunità scientifica internazionale. Ricordiamo, a tal proposito, che sedicenti “psichiatri” e “psicologi”, sostenitori della patologizzazione dell’omosessualità, sono stati puntualmente radiati dai vari albi professionali. Nonostante queste prese di posizioni inequivocabili, continuiamo ad assistere ad esternazioni di questo genere o, peggio, a tentativi di “cura” inutili e spesso molto dannosi.

Ci è impossibile ignorare che questo lungo e triste elenco di “atteggiamenti” rientra perfettamente nel quadro ideologico fascista, come testimonia l’esperienza storica dei campi di concentramento nazifascisti, in cui hanno trovato posto le cosiddette “razze inferiori”, gli oppositori politici, gli individui considerati mentalmente deviati e gli/le omosessuali. Non ci stupisce quindi che gli esponenti della Fiamma Tricolore si inseriscano perfettamente in questo schema, dal momento che i “valori” in cui si riconoscono sono i famigerati “dio, patria e famiglia” di mussoliniana memoria.Nel tentativo di porre fine a questo tipo di discriminazioni, nel 2006 il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione di condanna dell’omofobia in quanto “paura e […] avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità e di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali (GLBT), basata sul pregiudizio e analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo”

Crediamo fortemente che l’antifascismo moderno debba sapersi opporre con decisione ad ogni forma di pregiudizio e discriminazione, vecchia o nuova che sia, declinandosi necessariamente in chiave antirazzista, antisessista e antiomofoba.

Anpi Alto Garda e Ledro, Associazione Warning, Arci Alto Garda, la Busa Consapevole, Musicaerrante, Radio Onda d’Urto Trento, Universinversi.

Una festa per dire no all’omofobia!
Sabato 23/07 a Riva del Garda, bar dei Sabbioni

dalle 19 – Aperitivo e musica in riva al lago

dalle 21 – Dj set con il collettivo Your Sister di Trento

Su le mani!

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Recensioni di Magnificat, mentre Magnificat va a Vicenza.

 

 

Per invitarvi stasera a vedere Magnificat al Bocciodromo di Vicenza, abbiamo pensato di farvi leggere questa bella recensione scritta da Emanuela Dal Pozzo su Oltrecultura, periodico di Informazione, spettacolo e cultura, sulla data ad alta tensione emotiva di Giavera del Montello.

Ecco qui il link diretto.

Se volete venirci a trovare questa sera, lo spettacolo è alle 22:30, al termine dell’incontro-dibattito con Carla Corso e Pia Covre, storiche attiviste del movimento delle sex-workers. Ci trovate in Via Rossi 198, a Vicenza.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Inaugura “Juegos de fuegos” @ VART 2011

 

goghi&goghi

inaugurano

JUEGOS DE FUEGOS

installazione

mercoledì 20 luglio 2011

EQUIPE SHOW

@ Sala delle Colonne, Mezzolombardo (TN)

per VART 2011

a partire dalle 20:00

e fino al 26 luglio 2011

<< come and shoot >>

Contrassegnato da tag , , , , ,

Una settimana con Goghi&Goghi

/\/\/\ Goghi&Goghi /\/\/\
 
vi tengono vicin*
con una settimana scoppiettante di appuntamenti
::

mercoledì 20 LUGLIO 2011 ::

inaugurazione “Juegos de Fuegos”
@ Mezzolombardo (TN)
::

giovedi 21 LUGLIO 2011 ::
“Magnificat”
@ Bocciodromo, Vicenza

&

sabato 23 LUGLIO 2011 ::
Goghi e Goghi si fanno in due!

@ Bosentino (TN)
@ Riva del Garda (TN) 
::

Goghi&Goghi avevano preannunciato un’estate rovente di appuntamenti ed eventi: ed infatti, noncuranti del caldo, dei terremoti e dei richiami del mare, continuano imperterrit* ad ingegnarsi per regalarvi indimenticabili attimi di frescura intellettuale.

Così, la settimana oggi iniziata si prefigura ricca di offerte adatte a tutti i palati.

 

 


Per gli e le amanti dell’arte contemporanea, mercoledì 20 luglio 2011, alle 20:00, si inaugura “La scatola dei giochi“, mostra collettiva ispirata al tema dell’infanzia e del gioco, realizzata nell’ambito di VART 2011, manifestazione che per una settimana colorerà il paese di Mezzolombardo di eventi artistici e culturali.
Anche Goghi&Goghi saranno presenti, con un’installazione dal titolo “Juegos de Fuegos“: una riflessione sulla violenza insita nel gioco e sulle molteplici facce della voce “infanzia”.
Un allestimento maniacalmente costruito, che vi invitiamo a venire a smuovere e a toccare, dal 20 al 26 luglio presso la Sala della Colonne a Mezzolombardo (TN).

A seguire, un altro appuntamento con “Magnificat“: giovedì 21 luglio 2011, ad ospitare lo spettacolo sarà la rassegna PiacerePotere“, presso il Bocciodromo di Vicenza, spazio sociale di recente costituzione.  Dal 17 al 31 luglio, nell’ambito dell’iniziativa, saranno presentati eventi e incontri incentrati sui temi del piacere, della prostituzione, della sessualità. “Magnificat” sarà in scena alle ore 22:30, al termine di un incontro-dibattito con Carla Corso e Pia Covre, storiche attiviste del movimento delle sex-workers. Il Bocciodromo si trova in Via Rossi 198, a Vicenza.


Infine, per non lasciarvi sol* il sabato sera, Goghi&Goghi si dividono in due.


Goghi alias Mara Pieri sarà in scena a Bosentino (TN), alle ore 21:00, con “Avrei preferenza di no, disse“, tratto dal formidabile racconto “Bartleby lo scrivano” di Herman Melville. Lo spettacolo è frutto di un progetto ibrido, curato da Il Funambolo, e realizzato qualche tempo fa in occasione di Manifesta 7: una messinscena fluida e suggestiva, che ogni volta si adatta allo spazio che incontra, sovvertendo le distanze tra pubblico e narratrice, e le usuali separazioni tra lettura e teatro.




Alla stessa ora, Goghi alias Ila Covolan sarà, in veste di YourSister, alla consolle del “Rainbow Party – spegni la fiamma dell’omofobia“, iniziativa promossa dall’ANPI di Riva del Garda (TN) per reagire e contrastare le pesanti dichiarazioni omofobe esternate da alcuni membri della Fiamma Tricolore locale.

A partire dalle 21, al Bar dei Sabbioni di Riva del Garda, aperitivo e musica con il Collettivo YourSister per spegnere la Fiamma Tricolore, la fiamma omofoba e tutte le fiamme di derivazione fascista che ancora infestano il nostro vivere.

|| La settimana è appena iniziata. Breathe with us. ||

———–

:: Follow us :: 

20-26 luglio 2011 – Juegos de Fuegos // installazione @ VART Festival dell’Arte, Mezzolombardo (TN)

21 luglio 2011 – Magnificat @ Bocciodromo, Vicenza

23 luglio 2011 – Avrei preferenza di no, disse @ Bosentino, TN

23 luglio 2011 – Dj set with YourSister @ Bar dei Sabbioni, Riva del Garda (TN)

04 agosto 2011 – Magnificat @ Malalido, Verona

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Magnificat al Padova Pride Village!

Vi aspettiamo felici e sudat*, stasera martedì 12 luglio 2011 al Padova Pride Village, all’interno del Polo Fieristico di Padova, in via Carlo Goldoni, ingresso “E”, con Magnificat, alle ore 21.00.

 

 

Contrassegnato da tag , , , , , ,

GO!

Goghi & Goghi sono orgoglios* di presentarvi la loro tournée veneta: Magnificat come back home! /// Torna a casa, Magnificat! ///

E non è un errore grammaticale, è un imperativo. Un desiderio, quello di Goghi&Goghi, duo trentino d’adozione, di riuscire finalmente a portare lo spettacolo “Magnificat” finalmente nella loro terra d’origine. Nel nordest, sì, e addirittura fino al cuore della provincia di Treviso: terra di adolescenze inquiete, di silenzi forzati, di incontri eterni, di resistenza nervosa e di soccombenza costretta ad emigrare.

Lo spettacolo, scritto da Ila Covolan, vede in scena Mara Pieri impegnata in un monologo che racconta la storia di sei personaggi: lo spettacolo immagina che nel 2009 il governo italiano introduca l’obbligo di inserire nei documenti d’identità l’orientamento sessuale, dividendo così la popolazione in eterosessuali, gay, lesbiche, transessuali e altre identità non allineate. A breve, tutta la popolazione italiana viene suddivisa in categorie, sottoposta ad esami e test per definirne l’identità: chi non si allinea viene mandato a Lampedusa, per una soluzione finale che rimanda tragicamente ad una situazione italiana e non solo, ancora troppo silenziata; agli sbarchi di migranti a Lampedusa; alle innumerevoli violenze perpetuate nei diversi CIE italiani, lesive della dignità di donne e uomini, ma anche ad altre situazioni di oppressione delle diversità e persecuzione che storicamente hanno silenziato le minoranze.

Magnificat”, che ha debuttato proprio a Trento un anno e mezzo fa, dopo una lunga tourneè che ha toccato tutta l’Italia, da Palermo a Torino, da Trieste a Roma, Bologna, Milano, continua il proprio viaggio fino al cuore del nordest, luogo per Goghi&Goghi pregno di significati, le cui atmosfere sono presenti in molte delle loro opere, tra le quali ricordiamo “Nord Rest” (2009).

Goghi&Goghi, vi dà appuntamento a:

12 luglio 2011 :: Padova Pride Village, Padova

14 luglio 2011 :: Villa Wassermann, Giavera del Montello (TV)

21 luglio 2011 :: Bocciodromo, Vicenza

4 agosto 2011 :: Malalido @ Cooperativa Sociale Emmaus, strada Mattaranetta, Verona

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Matinée con Goghi&Goghi

Alle prese con il frenetico arrivo dell’umidiccia afa estiva, Goghi&Goghi si cimentano in una sfida contro il tempo e contro la loro stessa atavica difficolta’ al risveglio mattutino e per godere delle preziose ore di frescura propongono uno spettacolo insolito ad un orario insolito in un luogo insolito.

Lo spettacolo insolito è  “Divise“, più recente produzione di Goghi&Goghi: un viaggio fatto di frammenti e flash sul lavoro, il genere e le infinite combinazioni e declinazioni che l’uno assume in relazione all’altro.

Il luogo insolito è Piazza Dante, crocevia di culture, luogo pregno di significati nella geografia urbana ed emozionale di Trento. L’occasione è offerta dal Festival dell’Arte di Trento, evento alla sua prima edizione, che sabato 02 luglio 2011, dalle 09:00 alle 22:00 riunirà proprio in Piazza Dante, a Trento, giovani artisti di diverse discipline, con concerti, produzione in loco di opere, esposizioni e spettacoli.

L’orario insolito sono le ore 10:30 del mattino di sabato 02 luglio:  quale momento della giornata potrebbe d’altronde essere migliore di quello che segue la colazione, per affrontare con lucidità ed energia i mondi paralleli offerti da uno spettacolo teatrale?

Sfidate le vostre abitudini, rotolate fuori dal lenzuolo e lanciatevi in un’indimenticabile Divise for Breakfast.

Contrassegnato da tag , , , , ,