Archivi categoria: teatro

25/26 maggio @ ADA-Lab

 

Ecco il programma di ADA-Lab di maggio: il 25 e il 26 sono all’insegna di Goghi&Goghi!

qui tutte le info.

maggio_adalab

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

G&G in prova aperta insieme a Camilla Sandri

Giovedì 25 ottobre 2012, ore 21: G&G presentano la prova aperta del nuovo lavoro, “BONES”. Creato insieme a Camilla Sandri, attrice torinese, lo spettacolo sta prendendo forma durante una residenza per giovani artisti presso il Centro Teatro di Trento.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

“DIVISE” in scena a Trento per Università Autunno

Dopo il debutto trentino, e dopo aver toccato l’Italia con diverse date tra il 2011 e il 2012, torna a Trento il più recente spettacolo di Goghi&Goghi.

Alle 21 di mercoledì 03 ottobre 2012, allo Studentato San Bartolameo di Trento, andrà in scena “Divise“, uno spettacolo di poche parole, un viaggio dentro frammenti di immagini, collage di luoghi comuni e meno comuni, su uomini, donne e soggettività al lavoro. Uno spaccato crudo, tagliente, cinico, sull’ambiguità che il concetto di lavoro ha assunto nel contemporaneo, sugli attimi in cui il concetto di lavoro si stacca da quello di autodeterminazione, da quello di reddito, e diventa un universo in cui la sicurezza è un fatto personale, e il controllo è determinante per combattere la crisi. Un solo corpo in scena, in transizione continua tra i generi e le identità; poche parole, a dipingere squarci di realtà tenera e violenta; azioni sceniche che costruiscono e abbozzano immagini che a poco a poco si distruggono, si trasformano.

Lo spettacolo è presentato nell’ambito della ricca rassegna “UniversitàAutunno“, una serie di iniziative promosse dall’Opera Universitaria all’interno degli spazi dell’Università di Trento.

L’ingresso è gratuito. Ecco come arrivare a SanBartolameo.

Per info, scriveteci!

Contrassegnato da tag , , , , , ,

festa laBoje!

Ricordiamo che Goghi&Goghi stasera saranno alla festa anticapitalista La Boje, a San Giacomo Po (MN).

Con noi in programma:

LUNEDI 3
Dalle 21.30 Teatro:
Goghi&Goghi (teatro da Trento – goghigoghi.wordpress.com) >> prima che i polmoni diventino clessidre rotte
Dalle 22.30 concerto: Pizzica e taranta
Khaossia Trio (Pizzica da Cremona – khaossia.it)

vi aspettiamo, anche a tavola!

fonte pic. http://bit.ly/RDN4s7

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

“Magnificat”, il ritorno vien dalla Puglia.

Dopo aver raccontato a persone dai 3 ai 94 anni una storia che è fatta di tante storie. Dopo aver graffiato palchi di cartone e essersi illuminato sotto fari del cielo. Dopo aver toccato il profondo sud, le nebbie del nord, scambiato passaporti ad est e ricostruito identità a ovest. Dopo un silenzio di qualche mese, il silenzio che anche i più accaniti workaholic si concedono di prendere dopo lunghi viaggi, lotte sfibranti, utilizzi esagerati delle meningi, malsana ripartitura dei pasti. Dopo aver lucidato i piles, ricucito le giacche, pettinato le pelliccie, rinforzato i tacchi e lisciato i berretti.

Dopo tutto questo, e molto, molto altro, che solo una forma innata di timidezza ci impedisce di rivelare.

Ritorna “Magnificat”.

Avete capito bene, sì: ritorna “Magnificat”.

E ritorna in grande stile, con una doppia data in una delle poche regioni ancora non toccate dalla storia dei passaporti raccontata nello spettacolo, la Puglia.

Venerdì 01 giugno 2012, a Bari, e domenica 03 giugno 2012 a Lecce, con Mara Pieri torneranno in scena i personaggi della vicenda scritta da Ila Covolan. Ad accompagnarli, l’intramontabile musica di Puppet.

Venerdì 01 giugno, G&G saranno ospiti del collettivo CimeDiQueer: lo spettacolo andrà in scena alla Galleria del Catapano, in Strada Palazzo di Città 41, alle 19:30.

Domenica 03 giugno, invece, scenderemo a Lecce, in occasione della rassegna “Contrasta l’indifferenza, rifletti le differenze”, organizzata da DifferenteMente nell’ambito del progetto “Che genere di cittadinanza”. Lo spettacolo sarà ospitato dalle Officine Culturali Ergot, in Via Palmieri/P.tta Falconieri, alle 21.00.

Vi aspettiamo sul mare, a brindare e ad ascoltare, ancora storie, ancora storie.

Contrassegnato da tag , , , , ,

“Magnificat”, il trash-queer e il Natale.

Reduci dalle avventure romane, in cui l’accoppiata di spettacoli “Magnificat” e “Divise” ha toccato due spazi molto attivi della capitale, l’Officina Culturale Via Libera e il Fusolab, Goghi&Goghi sono pront* per un’ultima settimana di carambole prima del riposo natalizio.

La serata clou della settimana è senza dubbio il “Magnificat” di venerdì sera: il 23 dicembre  G&G saranno infatti ospiti dello Spazio Arcadia di Schio (VI), che per l’occasione ha preparato un’abbinata davvero particolare.

Alle 21, infatti, la storia della legge immaginaria che istituisce l’orientamento sessuale come voce obbligatoria dei documenti d’identità sarà in scena sul palco dello spazio di Via Lago di Tovel 18.

A seguire, alle 22, si scateneranno le danze al ritmo della musica di Miss Svamp e Lakrysi: una serata all’Arcadia Horror Queer Show, dunque, per combattere la crisi, l’indigestione di lucine di dubbio gusto e l’inquietante moltiplicazione di Babbi Natali in ogni dove.

Vi aspettiamo, car* horrorizzat* fan venet*.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Vacanze romane: Goghi&Goghi in tour nella capitale

Goghi&Goghi stanno preparando le valigie per un funambolico weekend a Roma.

Il programma si preannuncia ricco, vario e adatto a tutti i palati.

Si comincerà venerdì 16 dicembre 2011, all’Officina Culturale Via Libera: alle 20:30 un aperitivo nello spazio di Via dei Furi 25/27 sarà il preambolo di “Magnificat“, cavallo di battaglia di Goghi&Goghi, che andrà in scena alle 22:00. Lo spettacolo, che ha ormai attraversato numerose avventure in tutta Italia, racconta la storia di una legge (immaginaria), che istituisce l’obbligo di indicare nei documenti d’identità l’orientamento sessuale delle persone, e dei suoi tragicomici risvolti nell’Italia (reale) del 2009. L’ingresso alla serata è di 3 euro per la tessera associativa, gratuito per chi ha già frequentato l’Officina Culturale.

Il giorno seguente, Goghi&Goghi porteranno in scena, invece, la loro ultima creazione: “Divise“, lo spettacolo che ha debuttato da poco al Magfest di Torino nella sua veste rivisitata, dopo un primo studio andato in scena lo scorso dicembre e dopo una lunga pausa estiva. Con particolare felicità e orgoglio lo spettacolo tornerà ad animare il pavimento dello spazio che l’ha visto nascere, il Laboratorio Creativo Fusolab, dove proprio un anno fa Goghi&Goghi passarono una settimana in residenza creativa. Su un palco inondato di immacolati rotoli di carta igienica, “Divise” propone un viaggio dentro frammenti di immagini, collage di luoghi comuni e meno comuni, su uomini, donne e soggettività al lavoro, intrecciando il tema del genere con quello della precarietà.

Lo spettacolo sarà in scena alle 22:00, dunque, al Laboratorio Creativo Fusolab, in via Giorgio Pitacco 29, sempre a Roma.

E per concludere in bellezza il weekend fuori porta nella capitale, ancora al Fusolab, Goghi&Goghi propongono un workshop per una domenica diversa: “Di_vision“, un’incursione negli stereotipi e nelle norme di genere a partire proprio dagli spunti nati durante la lavorazione dello spettacolo.

Attraverso l’uso degli strumenti teatrali e performativi, il workshop offre un percorso intensivo per ragionare sull’esistenza e la costruzione degli stereotipi, volto alla ricerca di nuove possibili forme di superamento e decostruzione di essi. Un percorso per indagare nuovi immaginari di maschilità, femminilità e altr*: una proposta di sperimentazione e creazione di nuove modalità, per mettere in scena le alternative al binomio maschile/femminile. Il workshop è aperto a tutt*, con e senza esperienza teatrale. Si richiedono: un abbigliamento comodo e di colore nero per il training; un abito elegante e uno casual.

Si inizierà alle 11:00 e si finirà alle 19, con una pausa pranzo a spezzare la giornata di incursioni performative. Il costo è di 30 euro a persona: per altre informazioni, iscrizioni o domande, scrivete a info@goghiandgoghi.net, oppure a teatro@fusolab.net.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Magnificat ai Carichi Sospesi e al Venice Jazz Club

Goghi&Goghi hanno il piacere di invitarvi ad assistere al loro spettacolo evergreen Magnificat in due location d’eccezione, situate nel loro tanto amato nordest: saranno infatti presenti il 19 ottobre 2011 presso i Carichi Sospesi – vicolo del Portello 12 a Padova e il 20 ottobre in laguna, presso il Venice Jazz Club – Fondamenta del Squero 3102, Ponte dei Pugni, S.Margherita.

Qui sotto potete trovare le presentazioni delle due serate e qualche link interessante da spulciare sulle realtà coinvolte.

 

Magnificat @ Carichi Sospesi, Padova

 

 

La serata del 19 ottobre ai Carichi Sospesi è organizzata in collaborazione con circolo Pixelle, Chimere – festival di teatro delle donne e circolo lesbico Drasticamente.

I Carichi Sospesi sono un luogo di incontro e di confronto che nasce dal bisogno di creare un teatro aperto che possa accogliere anche una forma di socialità, di scambio, di contaminazione in cui le idee siano circolari e non debbano trovare terreno di confronto solo attraverso momenti di spettacolarità.

Pixelle invece, è un circolo arci che ha organizzato iniziative di “genere” differente, ponendo un’attenzione  particolare sul teatro pensato e scritto dalle donne all’interno della rassegna “Chimere”, ricorrenza importante nel panorama culturale locale.

Il Circolo Lesbico Drasticamente è attivo sul territorio di Padova dal 1995, e promuove l’affermazione dell’identità e la diffusione della cultura lesbica organizzando numerose iniziative sul territorio.

 

Magnificat @ Venice Jazz Club, Venezia

 

Giovedì 20 ottobre doppio appuntamento per il ciclo di performance del progetto “Otto+1” prodotto dal Comune di Venezia, attraverso l’Osservatorio Lgbt, quale indagine/azione sulle identità in chiave queer, cioè la parte sperimentale e creativa del mondo sociale e culturale gay, lesbico e transgender.

Le performance “Enjoy” e “Magnificat” andranno in scena alle h.19.30, nel suggestivo spazio del Venice Jazz Club (Fondamenta del Squero 3102, al Ponte dei Pugni di S.Margherita) con la sua forte atmosfera da cabaret antico e da poco anche con una impronta di galleria non-convenzionale.

ENJOY è liberamente ispirata a “Le Serve” di Jean Genet. L’autrice, Francesca Martinelli, evoca anche la tragica storia, nel Friuli di inizio secolo, quando due sorelle siamesi assassinarono il loro amante.
E’ una performance teatrale che coniuga bellezza e deformazione, perfezione e menomazione. Il grottesco e il perturbante si fondono nello straziante assolo di due sorelle unite per la vita.
Francesca Martinelli è in scena assieme a Chiara Verzegnassi e ha disegnato i magnifici costumi, realizzati da Francesca Palmitessa.

MAGNIFICAT, scritto e diretto da Ila Covolan ed interpretato da Mara Pieri (è il duo trentino Goghi&Goghi) è la cronaca di una deriva. Un giorno il governo decide di etichettare le identità sessuali e di spedire chi non è nella “norma” a Lampedusa. L’isola dei disperati. In scena il racconto straziante e sorprendente di sei di loro.
Le musiche sono di Puppet, alias Luca Tiengo.

Le due performance hanno in comune il forte accento teatrale, il fatto di avere come autrici ed attrici tra le migliori emergenti del Nordest e il loro modo di tirare all’estremo le storie.

Otto+1” è un progetto ideato dalle associazioni “Ottava Traversa” ed “E:”, con la collaborazione della Fondazione march.

Otto+1 è un progetto che si propone di raccogliere appunti, interrogativi, materiali attorno alla questione dellʼidentità queer, utilizzando linguaggi artistici e chiavidi lettura e di ricerca proprie dei queer studies. Date un occhio qui e a questo bel blog.

 

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

MAGNIFICAT al Malalido di Verona

giovedì 04 agosto 2011

Malalido – Verona

ore 21 _ ingresso libero

MAGNIFICAT

 

 

MAGNIFICAT torna in Veneto a conclusione di una lunga tourneè che ha toccato tutti gli angoli d’Italia.

Lo spettacolo, scritto da Ila Covolan, vede in scena Mara Pieri impegnata in un monologo che racconta la storia di sei personaggi: lo spettacolo immagina che nel 2009 il governo italiano introduca l’obbligo di inserire nei documenti d’identità l’orientamento sessuale, dividendo così la popolazione in eterosessuali, gay, lesbiche, transessuali e altre identità non allineate. A breve, tutta la popolazione italiana viene suddivisa in categorie, sottoposta ad esami e test per definirne l’identità: chi non si allinea viene mandato a Lampedusa, per una soluzione finale che rimanda tragicamente ad una situazione italiana e non solo, ancora troppo silenziata; agli sbarchi di migranti a Lampedusa; alle innumerevoli violenze perpetuate nei diversi CIE italiani, lesive della dignità di donne e uomini, ma anche ad altre situazioni di oppressione delle diversità e persecuzione che storicamente hanno silenziato le minoranze.

MAGNIFICAT sarà in scena giovedì 04 agosto 2011 alle 21, all’interno del Festival Malalido, organizzato dal Circolo Malacarne di Verona: una rassegna di concerti, eventi e spettacoli iniziata il 28 luglio e che proseguirà fino al 15 agosto.

Il Malalido si tiene in via Mattaranetta 41, a Verona.

 

|| Goghi&Goghi are waiting for you. ||

 

Contrassegnato da tag , , , , ,

E disse “Avrei preferenza di no”

venerdì 29 luglio 2011

Piazza XXIV Maggio – Bosentino (TN)

ore 21 _ ingresso libero

 

 

“Avrei preferenza di no”

Una rilettura di Bartleby lo scrivano di Herman Melville

Bartleby lo scrivano, apparso nel 1853, è tra i racconti più belli e influenti dell’epoca moderna, tradotto e citato da alcuni dei massimi scrittori e critici contemporanei. Il personaggio di Bartleby è quello di uno scrivano che, attraverso la formula “avrei preferenza di no”, oppone la propria passiva resistenza al lavoro, alla società e, in ultima istanza, alla vita. La sua storia rappresenta anche una straordinaria metafora sulla scrittura e sulla narrazione, sulla parola e sull’enigma del silenzio.

Il Funambolo ne ha fatto un progetto ibrido, fra lettura e teatro, performance e videoarte, fortemente caratterizzato dallo spazio in cui è posto in scena. “Avrei preferenza di no” non è una proposta di spettacolo frontale, ma una rilettura di reciproca influenza di spazi e testo.

Mara Pieri _ attrice

Guido Laino _ proiettore 1

Tiziana Poli _ proiettore 2

IN CASO DI PIOGGIA LO SPETTACOLO SI SVOLGERA’ AL PALAZZETTO DI BOSENTINO.

Contrassegnato da tag , , , , , ,